[07] Ultimo sacrificio

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

[07] Ultimo sacrificio

Messaggio Da ConTRoL il Gio Giu 12, 2008 7:24 pm

Fonte: Wikipedia


Ultimo sacrificio



Titolo originale: Son of coma guy
Diretto da: Daniel Attias
Scritto da: Doris Egan


TRAMA

House sta banchettando su un letto vuoto con vicino un uomo in stato vegetativo, lo viene a trovare il figlio Kyle che però non afferra una cosa al volo: House accende le luci ad intermittenza ed elabora una prima diagnosi di achinetopsia, seguita dalle convulsioni del ragazzo.

Il ragazzo, alcolista, ha una vita sociale nulla ed è praticamente lasciato a sè stesso (madre morta e padre in stato vegetativo); tutto ciò causato da un incendio dove il figlio, all'epoca dodicenne, lasciò cadere una scatola di fiammiferi che prese fuoco.

L'uomo riuscì a salvare il figlio ma non la moglie che si era addormentata col sonnifero; House, dopo aver letto i risultati negativi del test per l'adrenamieloneuropatia, decide di risvegliare con un cocktail il padre dallo stato vegetativo e ci riesce.

Dopo 10 anni l'uomo torna alla vita e si dirige con l'auto di Wilson, House e Wilson stesso ad Atlantic City per mangiare un panino italiano di tanti anni fa; intanto House lo mette sotto torchio per delineare un'anamnesi dettagliata.

Tritter continua a giocare e torturare gli assistenti di House; dopo averli passati in rassegna uno ad uno congela il conto corrente di Wilson, mandandolo nello sconforto.

Il ragazzo peggiora e arriva al 4° stadio della RLAS, con una grave miocardiopatia; servirebbe un cuore nuovo ma essendo alcolista è da escludersi dalla lista trapianti.

Il geniale diagnosta, analizzando tutti i vari incidenti in famiglia (e dopo aver confessato la motivazione che l'ha spinto a diventar medico) scopre che sono tutti dati dalla sindrome di MEERF; i parenti della moglie non bevevano, erano distratti e portati ai vari incidenti da questa malattia mitocondriale (da parte materna).

House vorrebbe il test del DNA mitocondriale ma è troppo tardi; l'uomo allora decide di donare il proprio cuore al figlio (il risveglio è temporaneo e dopo qualche ora sarebbe ritornato un vegetale) suicidandosi; non è chiaro se con pillole o asfissia ma assume comunque delle aspirine per il mal di testa, al fine di preservare il cuore il più sano possibile.

Il diagnosta gli elenca varie modalità possibili di suicidio e Wilson lo copre creandogli un alibi giù al casinò dell'hotel.

Il ragazzo ha ora un cuore nuovo e può tornare a vivere, grazie al sacrificio estremo del padre.


Altri interpreti: Bobbin Bergstrom (Infermiera) , John Larroquette (Gabe Wasniak), Zeb Newman (Kyle Wasniak), Jonathan Strait (Fake House)
Diagnosi finale: Sindrome di MEERF
avatar
ConTRoL
Admin

Numero di messaggi : 173
Età : 24
Località : Brescia
Data d'iscrizione : 10.06.08

Vedi il profilo dell'utente http://dottorhouse.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum